Spal, addio alla Coppa Italia. La Samp vince 2-1

04.12.2018 23:24 di Tutto Spal  articolo letto 20 volte
Spal, addio alla Coppa Italia. La Samp vince 2-1

Vittima dei propri errori, la Spal esce da Marassi con una sconfitta che la estromette dalla Coppa Italia. I biancazzurri, infatti, trovano un gran gol di Sergio Floccari, ma poi due errori da matita blu spianano la strada alla formazione genovese. Se Semplici cercava delle risposte dalle seconde linee questa sera, probabilmente non le ha avute. Sampdoria e Spal iniziano la contesa sapendo che chi vince si regala la passerella contro il Milan. Ma non solo. Le due squadre, infatti, sanno anche che, forse, il campionato è più importante e di certo non alzano più di tanto i ritmi. A partire meglio, comunque, è la squadra di Giampaolo che pressa altissimo il giropalla della retroguardia estense. Ed è in una di queste situazioni che la Samp crea le prime apprensioni ai biancazzurri: al 6’ Cionek serve Milinkovic che incespica su una zolla e quasi lascia via libera all’accorrente Kownacki. Al 7’ accelerazione di un frizzante Saponara che sfrutta un mal posizionamento di Bonifazi, rientra sul sinistro ed evitando Djourou batte Milinkovic, che per sua fortuna alle spalle ha Cionek che salva un gol fatto. Saponara e Kownacki sembrano inarrestabili e quando la palla ce l’hanno loro nei piedi mettono sempre in apprensione la difesa, tutt’altro che ineccepibile, schierata da Semplici. Al 17’ proprio Kownacki va ancora vicino al gol per i blucerchiati: il polacco riceve al limite da Vieira – che recupera una palla persa in maniera sanguinosa da Everton Luiz in fase di uscita – e calcia un radente che finisce una manciata di centimetri fuori dalla porta spallina. Per la prima occasione creata dagli uomini di Semplici bisogna attendere il 27’ quando Costa, dalla fascia, mette un traversone rasoterra che trova sul lato opposto dell’area Dickmann: l’ex del Novara, da buona posizione, controlla, ha il tempo di prendere la mira ma calcia alto sprecando una ghiotta opportunità per i suoi. Alla mezz’ora esatta la Samp fa tremare ancora la Spal: Kownacki, servito da Defrel, controlla in corsa e calcia al volo quasi a tu per tu con Milinkovic-Savic che tira un sospiro di sollievo nell’osservare il destro del polacco pizzicare la parte alta della traversa. Il calcio però sa essere crudele. La squadra di Giampaolo spreca troppo e allora è la Spal a portarsi in vantaggio al 34’ con un gol d’autore che porta la firma di Floccari. Dalla destra Dickmann pesca in area il capitano odierno biancazzurro, che furbescamente anticipa Colley e con un movimento repentino si gira e lascia partire un bolide con il destro: palla all’incrocio e Rafael incolpevole. Al 40’ la Spal potrebbe addirittura andare sul doppio vantaggio, ma il portiere della Sampdoria è bravo a respingere il rasoterra dal limite di Paloschi, liberato con un colpo di genio da Floccari. La Spal sembra poter finire il primo tempo in vantaggio, ma pochi secondi dopo l’assegnazione dell’unico minuto di recupero Djourou, inspiegabilmente altissimo in posizione di play, si vede scippare la sfera da Saponara che lancia Jankto, il quale può decidere se puntare Cionek o se servire l’accorrente Defrel: il ceco sceglie la via più facile e appoggia al francese che davanti a Milinkovic apre il piatto sinistro e pareggia. Il grave errore difensivo della Spal, di fatto, chiude il primo tempo con l’amaro in bocca. La ripresa riparte senza cambi e al piccolo trotto. Il primo sussulto, al 52’, porta ancora la firma di Saponara il cui piattone da 20 metri sibila a lato non di molto. Ogni qualvolta i blucerchiati verticalizzano creano apprensioni alla difesa spallina e al 66’ l’occasione che si mangia Jankto è di quelle grosse. Saponara fa filtrare per il ceco che sguscia via alle spalle di Everton Luiz, evita l’uscita di Milinkovic ma incredibilmente, a porta sguarnita, deposita fuori. I biancazzurri, nella ripresa, sono poca cosa e a parte qualche cross impreciso di Costa e Dickmann creano ben pochi grattacapi ai genovesi. All’82’ per la Spal si spengono le velleità di andare almeno ai supplementari. Uno scatenato Saponara con un sinistro morbido cerca in area Kownacki, marcato da Cionek e Dickmann: Milinkovic-Savic decide che c’è bisogno di lui ed esce sbagliando completamente il tempo e consentendo al numero 99 della Samp di trovare la rete del sorpasso con un, tutto sommato debole, colpo di testa. All’87’ Saponara va vicinissimo al tris, un minuto dopo, invece, Viviani fa il suo debutto stagionale rilevando uno spento Valdifiori. Il recupero non regala emozioni. Vince la Sampdoria, che ora se la vedrà col Milan. Lo riporta estense.com