Pordenone-SPAL 3-3, nel finale ingenuità di Murgia costa cara agli estensi

17.10.2020 17:01 di Tutto Spal   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Pordenone-SPAL 3-3, nel finale ingenuità di Murgia costa cara agli estensi

Pareggio in rimonta (3-3) per i Ramarri nella prima partita stagionale giocata nello stadio Teghil di Lignano Sabbiadoro.

Gara aperta al pubblico con circa 700 biglietti messi a disposizione della società neroverde ai propri tifosi che possono così rivedere dal vivo i loro beniamini nel rispetto delle restrizioni imposte dai protocolli anti Covid-19. Presenti sugli spalti circa 500 cuori neroverdi che a fine gara hanno applaudito i ragazzi scesi in campo.

Prima del fischio d'inizio della gara valevole come terzo turno del campionato cadetto, il presidente del Pordenone Calcio Mauro Lovisa ha consegnato a centrocampo la maglia ufficiale dei Ramarri al sindaco di Lignano avv. Luca Fanotto in segno di ringraziamento per l'ospitalità riservata ai Ramarri in questa stagione.

Il pareggio, racontano i colleghi di tuttopordenone.com, il terzo consecutivo in stagione dopo quelli delle trasferte forzate di Lecce (0-0) e Vicenza (1-1), arriva come anticipato in rimonta grazie al rigore trasformato al 45' del st di prepotenza da Diaw, che sale a quota 3 centri in stagione. Pordenone che era partito forte e al 20' minuto di gioco era già in vantaggio 2-0 grazie alle reti al 5' pt di Diaw e al 19' del pt da Barison. Spallini grintosi che accorciano al 29' con Castro e addirittura ribaltano nei primi 10 minuti del secondo tempo il match, prima con Strefezza al 1' del st e poi con Paloschi al 7' del st.