Spal-Frosinone 0-1, cosí non va: notte fonda per i biancazzurri

04.05.2021 17:43 di Tutto Spal   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Spal-Frosinone 0-1, cosí non va: notte fonda per i biancazzurri

Davvero poche le emozioni in un primo tempo nel quale entrambe le squadre sembrano più badare a non prenderle che altro. Bardi e Berisha non corrono pericoli rilevanti, tranne al 12′ quando il portiere frusinate devia in angolo un tiro-cross di Sernicola con un colpo di reni, mentre subito dopo Mora va a segno ma in fuorigioco. Il 3-4-2-1 di mister Rastelli non sfonda centralmente e i cross degli esterni spallini sono praticamente sempre preda dei difensori ospiti. Manca ‘fosforo’ in mezzo al centrocampo spallino, la palla non riesce ad andare veloce come dovrebbe e anzi subentra anche un po’ di nervosismo. Già in avvio Sernicola rischia il rosso per una brutta entrata nei confronti di Brighenti e anche dopo la mezz’ora si accende un piccolo parapiglia in mezzo al campo faticosamente sedato dall’arbitro Ghersini.

A inizio ripresa, raccontano ancora i colleghi di estense.com nella loro cronaca post-partita, Grosso sbilancia i suoi con Tribuzzi al posto di Ariaudo passando quindi al 4-3-1-2. I risultati si vedono subito perché prima il Frosinone sfiora il gol con la botta di Salvi da fuori che sfiora il palo dopo una deviazione che spiazza Berisha. Subito dopo i ciociari passano in vantaggio: Tomovi commette un’ingenuità clamorosa facendosi rubare palla da Novakovich il quale serve poi Parzyszek in area che viene abbattuto da Mora in un tentativo disperato di recupero. Dagli undici metri poi lo stesso Novakovich non sbaglia ed il Frosinone è avanti.

La Spal dal canto suo non reagisce ma anzi, mette più energia nel protestare su presunti rigori non assegnati che cercare di onorare la maglia.

Al 63′ Rastelli getta Paloschi e Asencio nella mischia e cinque minuti dopo lo spagnolo controlla in area un lancio di Dickmann spedendo però poi il pallone in Curva Ovest. Bardi resta inoperoso perché gli ultimi assalti della Spal non portano a nulla e anzi, Tribuzzi in pieno recupero si divora il raddoppio.