Semplici: "Vincere domani ci rimetterebbe in corsa..."

04.10.2019 20:24 di Tutto Spal   Vedi letture
Semplici: "Vincere domani ci rimetterebbe in corsa..."

Vigilia di SPAL-Parma. Protagonista in conferenza stampa Leonardo Semplici, allenatore dei biancazzurri, che ha presentato la gara contro i crociati di Roberto D'Aversa.

Mister, è indispensabile conquistare questa vittoria contro il Parma?
"Sicuramente sarebbe importante. Ci darebbe forza e serenità a quello che stiamo facendo. Sappiamo di affrontare una squadra solida, di qualità e di valore. Bisognerà fare una partita di grande attenzione e determinazione. Voglio vedere un furore e una voglia di vincere diversa da quella messa in mostra nelle ultime uscite".

Psicologicamente come state dopo questo periodo?
"In tutti noi ci deve essere la voglia di dimostrare che possiamo fare un cammino migliore di quello fatto fino a oggi. Dovremo rimanere compatti -dichiara il mister spallino ai microfoni di TMW- come abbiamo sempre fatto e uniti per cercare di fare una bella prestazione davanti ai nostri tifosi, che ci hanno sempre sostenuto".

Oltre a Kurtic e Valoti, c'è qualcuno che fisicamente non è ancora al top?
"Gli ultimi arrivati sicuramente. Ma non abbiamo molto tempo e in alcune circostanze dovremo rischiare qualcosa di più per dare loro minutaggio".

Cosa ti porti a casa di positivo da Torino?
"Zero. Abbiamo perso. Sicuramente qualcosa di buono l'abbiamo fatto, ma potevamo e dovevamo fare meglio perché ne avevamo le possibilità. Stiamo lavorando per avere una condizione accettabile e cercheremo di sopperire a certe mancanze".

Floccari è in pole position per affiancare Petagna?
"No, valuteremo tutti perché tutti mi possono dare il giusto contributo. Domani vedremo e valuteremo chi far scendere in campo fino all'ultimo".

Come pensi di arginare la forza e la velocità di Gervinho?
"Sicuramente sarà un'arma importante per il Parma. Bisognerà essere veramente bravi, perché loro vanno forte con le ripartenze. Dovremo essere astuti ad attaccare senza scoprirci, con grande attenzione. Non possiamo permetterci di concedere loro dei contropiedi perché sono devastanti. Se Reca sarà dalla sua parte? Bisogna dargli fiducia e farlo crescere. Deve capire quello che voglio da lui. Starà a me e allo staff farlo inserire bene e far si che si possa esprimere e tirar fuori le potenzialità che ha".

Il modo di giocare del Parma vi porterà a fare la partita? Quanto può pesare questo sulla vostra prestazione?
"Noi proviamo sempre a far la partita. Il problema è se ci riusciamo o meno. Bisognerà capire le caratteristiche dell'avversario e sviluppare un tipo di manovra migliore che ci servirà a mettere in campo le nostre qualità. E riusciremo a farlo solo attraverso il lavoro".

Recentemente Murgia è sembrato in difficoltà. Come valuti il suo momento?
"Per Alessandro è normale, soprattutto dopo tre partite in una settimana. Ma noi crediamo nel ragazzo e starà a me valutare quando utilizzarlo e quando farlo riposare".

Valoti invece?
"In questo momento non lo sto facendo giocare perché non riesce a darci il giusto equilibrio di cui abbiamo bisogno ora. Con lui ho parlato e ho massima fiducia. Finché non troverò un equilibrio ben preciso, magari cercherò di utilizzarlo con una squadra che possa sostenere le sue qualità".

Igor dal primo minuto domani?
"Ha quella personalità e spensieratezza che ora ci vuole. In lui ci crediamo e abbiamo fiducia. Potrà essere della gara".

Strefezza anche?
"Anche lui potrà essere una pedina da utilizzare dall'inizio. Si applica molto e mi auguro possa darci una mano per il nostro percorso".

Duecento panchine con la SPAL. Cosa ti porti dietro da questa esperienza?
"Pensare al mio arrivo e a dove siamo arrivati oggi mi ha fatto emozionare. E' un percorso bellissimo e mi auguro possa essere coronato con un nuovo traguardo. Mi fa piacere, ma mi fa anche pensare che ancora non ho fatto niente. Insieme a questo gruppo voglio migliorare e continuare a crescere per mettere in campo le qualità di questa squadra e contribuire alla mia crescita personale".