SPAL: bisogna crederci? La speranza è l'ultima a morire...

16.02.2020 13:04 di Tutto Spal   Vedi letture
SPAL: bisogna crederci? La speranza è l'ultima a morire...

Ultima in graduatoria con appena 15 punti, ben 8 in meno rispetto alla Sampdoria quart'ultima e addirittura 10 rispetto all'avversario odierno. Non c'è pace per la SPAL, che nonostante il tanto discusso cambio in panchina degli ultimi giorni non è comunque riuscita a tornare a Ferrara con qualche punto in saccoccia dallo scontro diretto di Lecce: 2-1 per i salentini, il risultato finale del match.

Diventano quattro, così, le sconfitte consecutive degli estensi: la prima sotto la gestione Luigi Di Biagio. Numeri che fanno paura, proprio come la classifica. Eppure, qualcosa, riportano i colleghi di tuttomercatoweb.com, ha iniziato a muoversi... Perché la SPAL arrendevole e forse già rassegnata vista nelle ultime uscite ha rialzato la testa, arrabbiata e affamata come non mai e capace di condurre il gioco per larghi tratti del match contro una delle formazioni più in forma dell'intero campionato. Con un approccio nettamente diverso, figlio di una migliore organizzazione di gioco e anche dell'esperienza e personalità dei suoi nuovi acquisti (vedi Castro o Zukanovic).

Più frizzante, con un Valdifiori assoluto padrone della cabina di regia e tanti centrocampisti a supporto di bomber Petagna: il progetto tecnico-tattico dell'ex ct dell'Under 21, d'altronde, sembra già piuttosto chiaro. Insomma, la scossa tanto attesa c'è stata eccome, questo è indubbio. Ma, purtroppo per i tifosi estensi, solamente a livello psicologico. Perché i punti sono sempre gli stessi, il risultato anche stavolta è negativo e le giornate di campionato, intanto, sono sempre meno. Conquistare la salvezza sarà un'autentica impresa, servirà forse un mezzo miracolo, ma la SPAL di Di Biagio ha almeno riniziato a crederci.