Tacopina, 1 anno e mezzo di SPAL: "Avanti con fiducia e senza rimpianti"

21.01.2023 12:01 di Tutto Spal   vedi letture
Tacopina, 1 anno e mezzo di SPAL: "Avanti con fiducia e senza rimpianti"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com

In settimana, il presidente biancazzurro Joe Tacopina ha incontrato i giornalisti presso la sala stampa del Centro Sportivo "G.B. Fabbri" rendendosi disponibile a rispondere alle loro domande. Ecco il suo bilancio dopo il primo anno e mezzo in biancazzurro, come raccolto dai microfoni del sito ufficiale del club estense: "Sono dell'idea che abbiamo già superato tanti traguardi nella crescita e nella ristrutturazione della società ed a questo proposito presenteremo nelle prossime settimane anche il nuovo Chief Revenue Officer. La situazione ereditata al mio arrivo non era affatto facile ed abbiamo dovuto investire qualcosa in più di quello che pensavo: abbiamo ricevuto in dote contratti sportivi pesanti ed abbiamo fatto nuovi investimenti extra-campo notevoli, come l'acquisizione del campo sportivo di Malborghetto e l'acquisizione di Casa SPAL. Certo, il cambio allenatore è stato un costo non preventivato ma sto procedendo tutto bene, ed in questa settimana ho già svolto vari incontri con il management tecnico e commerciale del Club. Non ho rimpianti. È ovvio che non tutte le decisioni prese si sono rivelate perfette, ma non si può tornare indietro nel tempo ed è inutile piangere sul latte versato. Se potessi tornare indietro forse quest’estate avrei fatto scelte diverse, dando la possibilità a Daniele di avere una squadra più funzionale a quello che è il suo modello di gioco, ma andiamo avanti con fiducia".

 

E sul mercato: "Abbiamo speso più di 23 milioni in un anno e mezzo, quindi credo che le preoccupazioni sull'impegno della proprietà siano fuori luogo. Per questo motivo, invito tutti alla calma e ad essere lucidi nelle valutazioni. Il mercato è aperto, c'è ancora tempo a disposizione e stiamo ricercando giocatori giusti. L’investimento su Fetfatzidis è importante, lui è un giocatore forte e può essere il giocatore ideale per noi. Personalmente ho massima fiducia in tutti l'area tecnica e, quindi, è necessaria calma rispetto alla situazione ed a quello che può succedere di qui alla fine della sessione. Non prenderemo giocatori soltanto per dimostrare che siamo attivi sul mercato o per rispettare lo schema del fuori uno, dentro un altro. L’allenatore è contento dei giocatori che ha a disposizione, abbiamo alternative in tanti ruoli e, quindi, non dobbiamo farci prendere dall’ansia. Quando e se individueremo i giocatori giusti e  funzionali al nostro modello di gioco, allora li inseriremo in organico".